Cinema italiano

Più cinema italiano in prima serata e più investimenti da parte delle emittenti in produzioni europee e italiane. È questo l’obiettivo del decreto legislativo voluto dal ministro della Cultura Dario Franceschini, approvato dopo diverse polemiche dal Consiglio dei ministri.

Al suo fianco, e al fianco del decreto, si sono schierati i produttori indipendenti dell’Anica e  l’associazione 100autori: “Più risorse significano più concorrenza, creano più qualità nei film, nelle serie tv, nei documentari e nelle opere d’animazione”, ha detto il portavoce Andrea Purgatori. Altri sostenitori della riforma sono poi il premio Oscar Gabriele Salvatores e il regista Daniele Luchetti.

Lascia il tuo commento.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ancora nessun commento.

Giocati l’esistenza. Guarda in faccia al destino. Ora ti aspetta in platea! Attacca e non essere tiepido; decidi. Sii caldo o freddo o ti vomiterò dalla bocca! Ricordi?   ...Il resto è solo menzogna!

Precedente
Karamozov
Cinema italiano