Duello

Dostoevskij accoglie il compito filosofico di narrare il bene e il male. Acuto osservatore e pensatore, egli costruisce storie potenti che rivelano le profondità del cuore umano nel suo intimo incontro con il divino e il diabolico; e attraverso l’esplorazione artistica dei fenomeni del cuore della libertà, del male e della tentazione, egli pone domande destinate a rimanere oscure in Kant. In Dostoevskij la metafisica del bene e del male è commista a un intenso sentimento del divino e a un forte senso del diabolico;  e  il suo monumentale  affresco  delle  due  forze  che  regnano sul  mondo,  e  sul cuore dell’uomo, deriva da una creativa sintesi di Romanticismo, Cristianesimo e folclore russo: «La storia di Dostoevskij si svolge precisamente sul confine al di là del quale Kant rimane a guardare».

(Giulia Baselica, Dostoevskij, Kant e la filosofia del cuore)

Lascia il tuo commento.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ancora nessun commento.

Giocati l’esistenza. Guarda in faccia al destino. Ora ti aspetta in platea! Attacca e non essere tiepido; decidi. Sii caldo o freddo o ti vomiterò dalla bocca! Ricordi?   ...Il resto è solo menzogna!

Precedente
Teodicea*
Duello